Come dimenticare uno stronzo: l’ex marito

Prima o poi capita che ti sposi, no? E porca miseria, sì. Qualcuno dice che è il desiderio di tutte le donne. Così non è. Ma insomma arriva il giorno del fatidico sì anche per te.

 

Quindi ti sposi, di quei matrimoni belli, belli, tutti ma proprio tutti felici per te dopo tante incommensurabili sfighe. Tutto si svolge come si deve. Mamma e papà sono contenti, la suocera è contenta, le cugine sposate sono contente, quelle non sposate insieme alle amiche ancora single magari ti stanno schifando a morte, ma fingono e ridono lo stesso. Quelle fidanzate guarderanno il loro uomo male tutto in santo matrimonio perché pensano: “E tu quando mi sposi? Stronzo”. Tu insomma sei bella, bella, bella e hai fatto felice proprio tutti a sposarti.

 

Ma poi divorzi per una lunga serie di motivi. Ma noi qui analizzeremo quello che generalmente è il più infame, il più crudele, il più doloroso, perché come sempre non ci facciamo mancare nulla. Tralasciamo l’amore che finisce. Purtroppo capita. Qui considereremo l’atto infamante per eccellenza: lui ti lascia per una più giovane.

 

La cosa più assurda è che il più delle volte accade nel modo più inaspettato. Perché lui per un po’ ti ha pure chiesto un figlio. Ci avete anche provato più volte. Lui sembra addirittura molto contento. Sembra. Tu ci credi pure che lui sia felice e ti impegni, porca miseria. Sei sicura di quell’amore. Poi all’improvviso, perché accade sempre tutto all’improvviso, di domenica, mentre siete a tavola lui ti guarda e ti dice: “Non ti amo più. Non ti ho mai amata”.

 

Sprofondi nel buio più totale. Cerchi di capire come sia successo, cosa stia accadendo e poi la fatidica domanda: “Ma stai con un’altra?”. “Nooooooo, io? Ma quando mai? Giuro che non sto con nessuna”. Certo.

 

Insomma lui non ti ama più. Vi separate, pensando di poter recuperare il rapporto. “Poi rinsavirà” pensi. Sì, sì, sta rinsavendo proprio mentre tu lo stai pensando. Intanto tu continui a cercare spiegazioni, lui invece comincia a negarsi. Chiedi agli amici se sta con un altra ma nessuno sa nulla. Insomma non è possibile. “Diceva di amarmi, che io sarei stata la madre dei suoi figli, e adesso? Per nulla va via? Non potevamo parlarne e ricostruire questo amore?”. No a quanto pare no.

 

Poi lui comincia a prepararsi il terreno. Inizia a parlare male di te a tutti gli amici. Tu sei quella sbagliata, tu sei quella isterica, tu volevi per forza un figlio che lui non voleva, pensi troppo al lavoro, non gli prepari da mangiare, sei sempre impegnata e lui poverino ti fa trovare il piatto in tavola, si curava di te, ti dava tutto, ma tu strega non lo capivi, anzi addirittura lo accusavi di stare con un altra. Lui? Santo uomo di questa terra, anima pia. Lui. Vuoi sapere perché fa così?

 

Perché da una vita stava già con un’altra e sta preparando tutto affinché gli amici e i parenti pensino male di te e dicano: “Poverino ha sofferto ecco perché sta con un’altra”.

 

E non finisce qui. Dopo aver negato a tutti, tutti, tutti che aveva un’altra donna scopri invece che dopo un mese è andato già a vivere con lei e che stavano insieme già da un anno. Lei è più giovane di lui di almeno 15 anni. Una botta senza precedenti.

 

Ma passa del tempo. Tu giustamente ti rifai una vita dopo mesi di depressione. E lui che fa? Torna, sì torna. Perché alla fine: “Lei era troppo giovane sai. Io ti amo ancora. Torniamo insieme ti prego”. Insomma nessuno gli lava più le mutande e lo stronzo ha bisogno di una donna-badante-mamma che lo accudisca.

 

E qui ti voglio cocco mio bello. “Ti sei divertito con la ragazzina eh? Era carina la giovanotta eh? Solo che lei essendo tanto giovane, voleva uscire tutte le sere, andare in discoteca, fare l’aperitivo, andare in viaggio, vedere gli amici, fare le acrobazie, eh? Mica le andava di andare al teatro, al cinema, a cena, alla mostra, in libreria. Quando sei stato alla sua festa di laurea, piena, piena di ventenni, che ti guardavano come se fossi il nonno, anche se hai solo 40 anni, volevi morire eh?  Caro lei è giovane e vuole fare la giovane. E tu, stronzo, con 15 anni in più, non hai retto vero? He he”.

 

La verità, in fondo in fondo, è che a te oramai non frega più nulla e provi tanta, tanta, tanta, tanta soddisfazione a vederlo soffrire come hai sofferto tu. Così gli sbatti la porta in faccia.Lo mandi via a calci e finalmente ti liberi di lui come Dio comanda.

 

Ma bisogna pur dimenticarlo perché alla fine è un grande stronzo anche lui.

 

Come fare?

 

 

Con l’amore estivo.

Annunci

Devi avere effettuato l'accesso per pubblicare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: